a

Facebook

Twitter

Copyright 2016 Studio Legale e Notarile Biasini-Orsi.
All Rights Reserved.

Facebook

Twitter

Menu
 

Dal notaio visure on line di dati anagrafici

Biasini Dott. Angelo  > News  > Dal notaio visure on line di dati anagrafici

Dal notaio visure on line di dati anagrafici

Visure on line di dati anagrafici e di stato civile direttamente dal notaio. Parte dal Veneto la sperimentazione dei servizi “Reti amiche”, che permetterà di accedere direttamente dallo studio del notaio a informazioni anagrafiche e di stato civile. Anche senza essere già clienti del notaio prescelto. L’operazione è senza costi per il cittadino. L’obiettivo del progetto, che inizialmente coinvolgerà 100mila cittadini, è quello di ridurre i costi di distribuzione del servizio e delle informazioni della Pubblica amministrazione, evitando anche le code agli sportelli per i cittadini. Tutti i notai italiani collegati fra loro e con gli uffici della Pubblica amministrazione, potranno acquisire e verificare on line in tempo reale informazioni sullo stato civile e anagrafiche necessarie per soddisfare le richieste di cittadini residenti o originari dei comuni aderenti all’iniziativa. Per ora la visura si potrà utilizzare per fini personali o per atti notarili. È possibile il rilascio di una copia in carta della visura. notaio lodi

Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi il ministro per la Pubblica amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta e il presidente del Consiglio nazionale del notariato, Paolo Piccoli, hanno presentato il protocollo di sperimentazione di Reti Amiche tra notai e Comuni. Un prototipo di collaborazione che potrà essere moltiplicato in seguito. «È un ulteriore tassello – ha detto Brunetta – della rivoluzione in atto che per il momento riguarda 100 abitanti». Si tratta, ha detto il ministro Brunetta, di «una bella pagina di buona Pa», spiegando che vorrebbe «che la rete dei notai italiani e l’Anci potessero generalizzare questo mirabile prototipo e portare a 60 milioni – dunque a tutti gli italiani – il parco clienti».

Il ministro ha ricordato che l’iniziativa Reti amiche, senza oneri per Stato e cittadini, distribuisce i prodotti della Pa attraverso luoghi non strettamente pubblici. «Sono orgoglioso di partecipare a un progetto che semplifica la vita, portando i servizi più vicini ai cittadini», ha detto il presidente del Consiglio nazionale del notariato Paolo Piccoli, ricordando anche come il notariato dal 1997 a oggi abbia investito 14 milioni di euro in ricerca e sviluppo per costruire, implementare e aggiornare il sistema di trasmissione tecnologica alla Pa, i cui costi di impianto e gestione sono a carico del notariato. Per fare qualche esempio, nel 2008 sono stati trasmessi tramite rete informatica circa 4 milioni di atti immobiliari e societari ed effettuate oltre 30 milioni di visure, versati 6,5 miliardi di euro di imposte indirette e plusvalenze senza alcun aggio per lo Stato. notaio lodi

La sperimentazione tra notai e comuni è operativa da oggi in tante cittadine: in provincia di Padova (Borgoricco, Maserà di Padova, Saccolongo, Saonara), di Verona (Bovolone, Castel d’Azzano, Castelnuovo del Garda, Lazise, Minerbe, Negrar, Oppiano, Povegliano Veronese, Salizzole, Soave, Sona, Terrazzo, Trevenzuolo), di Vicenza (Brendola, Camisano Vicentino, Castelgomberto, Dueville, Marano Vicentino, Montecchio Maggiore, Torri di Quartesolo) e di Venezia (Mirano). Lavori in corso per estenderla a breve anche a Forlì, Roma, Brescia, Prato. I primi contatti sarebbero stati presi anche per Milano. I comuni che hanno interesse a partecipare alla sperimentazione possono farsi avanti inviando una richiesta a Palazzo Vidoni.

notaio lodi

No Comments

Leave a Comment